natto
Cibo e nutrizione

Natto, il piatto giapponese che ti disgusterà o ti farà innamorare

Un piatto che segna davvero il confine tra questi occidente e oriente è il natto, un tipo di soia fermentata che non lascia nessuno indifferente

Amore o disgusto al primo morso.

Ha un odore simile all’ammoniaca e una consistenza simile al muco che lo rendono un prodotto che divide le opinioni, anche tra le persone che sono cresciute consumandolo.

In realtà, il rapporto con il natto è solitamente amore o odio, o ne andrai matto oppure, cosa più probabile, non sopporterai il ​​suo sapore, consistenza e odore.

I giapponesi considerano da tempo il natto un super alimento. Il loro consumo è legato ai benefici relativi al flusso sanguigno e alla prevenzione contro il rischio di incidenti cerebrovascolari, caratteristiche particolarmente attraenti in un paese che ha ridotto il tasso di mortalità e possiede una delle popolazioni con l’età media più alta del mondo.

I ricercatori del National Cancer Center di Tokyo hanno scoperto che gli uomini e le donne che mangiavano frequentemente cibi a base di soia fermentata, come il natto, hanno ridotto del 10% il rischio di morte per ictus o infarto.

Gli alimenti a base di soia fermentata hanno meno probabilità di perdere componenti nutrizionali durante la fase di lavorazione e questo è considerato uno dei motivi della chiara associazione tra consumo di natto e rischio ridotto di malattie cardiovascolari .

Questi componenti nutrizionali includono un gran numero di proteine, così come il ferro e le fibre alimentari che hanno effetti positivi sulla pressione sanguigna e sul peso.

Rallenta l’invecchiamento della pelle

Il natto potrebbe persino aiutare le persone a sentirsi e sembrare più giovani. Una porzione standard da circa 40-50 gr.  ha gli stessi livelli di vitamina K del fabbisogno giornaliero stabilito dal governo giapponese e può aiutare a prevenire anche l’osteoporosi.

Questo alimento contiene anche vitamina B6 e vitamina E che stimolano il rinnovamento cellulare e rallenta l’invecchiamento della pelle.

Ma i semi di soia fermentati erano già parte integrante della dieta giapponese molto prima che ne venissero scoperti i benefici nutrizionali.

Cenni storici sul Natto

Questo cibo è stato introdotto per la prima volta in Giappone dalla Cina durante il periodo Nara (710-784). La documentazione storica in Giappone suggerisce che sebbene il natto sia stato introdotto nel 700, divenne popolare tra aristocratici e guerrieri nel periodo Kamakura (1192-1333) e divenne importante, insieme al tofu, nella cucina vegetariana di ispirazione buddista che si sviluppò nel successivo periodo Muromachi (1338-1573).

Yamashita afferma che il natto divenne un alimento base nella dieta giapponese nel periodo Edo (1603-1867), quando apparve nei libri di cucina e iniziò a essere preparato in casa.

Facile da preparare e poco costoso

I semi di soia vengono messi a bagno in acqua, bolliti o cotti al vapore e poi mescolati con i batteri Bacillus subtilis. Successivamente sono avvolti nella paglia e lasciati fermentare per circa un giorno, a seconda della stagione e della temperatura.

Oggi cucinare il natto richiede molta meno preparazione ed è un prodotto disponibile nei negozi e nei supermercati di tutto il paese.

Un pacchetto di natto, che di solito contiene tre monoporzioni, costa tra 100 e 300 yen (tra 1/2,50 euro). Ogni contenitore ha una singola porzione di natto e piccoli pacchetti di tara (una miscela di salsa di soia) e karashi (senape calda).

Per fare il natto, devi semplicemente mescolare i tre elementi e poi versare la miscela appiccicosa ottenuta in una tazza di riso bianco al vapore. Altri ingredienti comunemente usati per condire il piatto sono il negi tritato(erba cipollina, cipolla bianca, coriandolo) e l’uovo crudo.

Quando prenderai le bacchette per mangiare il piatto, ogni boccone sarà seguito da piccoli filamenti appiccicosi.

Cibo estremo | I 10 cibi più terrificanti del mondo | Dissapore

In Giappone è più comune mangiare il natto a colazione soprattutto per i suoi benefici nutrizionali.

Sempre più persone viaggiano in Giappone e alloggiano in ryokan (locande tradizionali giapponesi) che servono il natto per colazione. Il primo impatto può essere rivoltante ma c’è persino qualcuno che chiede dove poterlo acquistare e dove mangiare il miglior natto del Giappone.

Provare per credere.