Turismo

Cosa vedere a Tropea? Tra mare e storia

Cosa vedere a Tropea? Un luogo di mare perso dentro il suo borgo regala degli angoli inattesi e gioielli che pochi turisti hanno avuto la possibilità di vedere. Ecco tutte i luoghi da non perdere.

Che cosa vedere a Tropea

Le persone che credono che a Tropea ci sia solo mare si sbagliano, perché in questo luogo è possibile godere di angoli nascosti e della storia del suo borgo inattesa e molto particolare. Non mancano naturalmente i sapori e le tradizioni in fatto di cibo e una vita sospesa tra cielo e sole tra natura incontaminata e scenari da cartolina.

Un viaggiatore che arriva a Tropea si accorge immediatamente di aver trovato un gioiello a tratti nascosto tra il blu e il verde, con la Isole Eolie che si lasciano salutare quando le giornate sono limpide e secche. Le foto di Tropea mostrano sempre il Santuario della Madonna dell’Isola, un luogo sacro impossibile da dimenticare così come il so centro storico che è colorato e animato proprio come vuole il mood made in Italy.

Non mancano gli scorci sul mare che qui chiamano simpaticamente affacci, proprio per la loro caratteristica di sembrare una finestra che si affaccia sul mare limpido e cristallino. Ma quali sono i luoghi da non perdere e visitare immediatamente se si va a Tropea?

  • Centro storico

La vera perla di tutta Tropea è il suo centro storico che rimane in alto a 70 metri sul livello del mare. È un susseguirsi di viottoli, stradine, chiese, palazzi nobiliari, terrazzini da cartolina e degli scorci sul mare che lasciano senza fiato. Una camminata in questo luogo autentico permette di entrare in contatto con la tradizione locale fatta di botteghe artigianali, alimentari con tutte le delizie del luogo a chilometro zero grazie alla dedizione dei contadini sino a ricordi di un luogo che perde dentro il mare più blu.

Non manca la storia da toccare con mano grazie ai palazzi dei nobili che sono stati costruiti nell’700 e nell’800. Su alcune facciate si possono ancora scorgere gli stemmi nobiliari delle famiglie che hanno vissuto in questi posti con balconi suggestivi che si affacciano direttamente sul mare. Il cuore è Largo Ergole con la sua piazza dove raggiungere Palazzo Toraldo che ha al suo interno una ricca collezione di reperti archeologici.

I punti che si consigliano per vedere il mare sotto una prospettiva differente sono La Marina ovvero al parte bassa di Tropea. Poi non mancano le chiese anche loro in affaccio sul mare.

  • Santuario di Santa Maria

La si vede spesso e volentieri in cartolina ed è lei il simbolo indiscusso di Tropea. Questo è il suo gioiello indiscusso non solo per la posizione che si affaccia a picco sul mare ma anche perché diventato uno dei luoghi di culto più importanti di tutta la zona con una ricchezza importante di leggende. Questo è il punto di partenza per la processione della Madonna Assunta via mare ogni 15 agosto.

Non ci sono solo motivi religiosi che spingono un visitatore a recarsi al Santuario, infatti la sua architettura e la posizione la fa da padrone senza dubbio. L’atmosfera che si respira è romantica grazie al piazzale esterno che abbraccia tutto l’orizzonte da Punta Riace sino a Punta Zambrone estendendosi in basso lungo il Mar Tirreno salutando lo Stromboli e anche l’Etna in giornate che sono particolarmente nitide. Scenografico e di impatto ci sono tantissime leggende che sono legate a questo posto. Una tra tutte la presenza di un masso che si dice essere tramite per la guarigione di malattie gastriche con testimonianza di tanssime guarigioni. Non manca anche la Sacra Famiglia, statue che ogni 15 agosto vengono calate in acqua per la processione.