targhe-auto-finite
Tecnologia

Controllo della targa in tempo reale, come si fa

Quando si decide di acquistare un’auto usata si pensa ovviamente al risparmio, però non si pensa che si può cadere vittime di truffe e raggiri. Purtroppo, col boom di questo mercato, son tante le truffe che sono state registrate negli ultimi tempi, tante al punto che l’argomento è stato abbondantemente trattato anche in diversi programmi televisivi. I consigli per non venire truffati son sempre gli stessi: stare attenti, controllare bene l’auto, dentro e fuori, controllare i documenti e fare un controllo della targa. Oggi grazie a diversi software e applicazioni questo è molto semplice.

Controllo targa, perché farlo

Se ti stai avvicinando all’acquisto di un’auto usata, prima di fare qualsiasi passo accertati che tutto sia in regola, e per farlo devi necessariamente fare un controllo della targa. Ora, puoi controllare la targa in diversi modi e, come detto, grazie anche alle nuove tecnologie puoi utilizzare diversi software o app.

Se vuoi semplicemente sapere a chi appartiene una determinata targa puoi fare una ricerca si diversi portali a tema, come il Portale dell’Automobilista o altri simili dove è sufficiente inserire il numero della targa per risalire al proprietario. Altri software o applicazioni, invece, ti mostrano i dati del veicolo, quindi la cilindrata, il tipo di motore, se diesel o benzina, anno di immatricolazione, regione di immatricolazione e se l’ultimo bollo è in regola. Insomma, già con questi dati, diciamo, ci si può fare un’idea.

Tuttavia non è sufficiente. E non lo è perché se vai ad acquistare un’auto da qualcuno che non conosci e che non hai mai visto prima, la fiducia deve essere centellinata. Compreresti da uno sconosciuto un pacco chiuso senza vedere quello che c’è dentro? Ebbene, con l’auto usata è la stessa cosa, non puoi acquistarla a occhi chiusi. E soprattutto non puoi acquistarla se non hai preso informazioni sul venditore. E se l’auto fosse rubata? O se vi pendesse un fermo amministrativo? Per tutti questi motivi si deve fare un controllo targa.

Visura online dell’ACI

Grazie alle tecnologie digitali adesso è possibile verificare tutte queste cose in tempo reale mediante il portale dell’ACI, PRA, Pubblico Registro Automobilistico. Mediante la Visura online del PRA si può risalire quindi a tutte le informazioni giuridiche e patrimoniali inerenti la targa inserita nel form.

visuraQuindi come si fa? Si va sul portale dell’ACI, si apre la pagina con un form dove si inseriscono i dati richiesti e si accede alle informazioni desiderate. In particolare possiamo verificare che sull’auto non risultino ipoteche, qualora vi fossero il creditore potrebbe vendere l’auto all’asta e l’acquirente si troverebbe senza auto. Si può anche controllare che non vi siano vincoli come fermi amministrativi, fallimenti, pignoramenti. Nel caso di fermo amministrativo l’auto non può circolare fino a quando non si paga il debito, o in alternativa si può rottamare.

Si può inoltre verificare che il veicolo non sia stato cancellato dal PRA, per esempio può accadere con i veicoli storici. In questo caso l’auto non può circolare.

Quanto costa il servizio

Se si controlla la targa mediante applicazioni o portali gratuiti, ovviamente non si paga niente, al massimo viene richiesto di iscriversi al portale. Se invece si desidera richiedere una visura al PRA, si pagano 8,83 euro di cui 6 corrispondono al costo della visura e 2,32 euro, più IVA al 22% corrispondono al costo del servizio telematico.