case-in-legno
Casa e immobiliare

Case in legno: tutti i vantaggi

Mentre negli altri paesi europei la costruzione di case in legno è una prassi molto diffusa da sempre, in Italia la situazione era diversa fino a qualche anno fa. Negli ultimi anni anche nel nostro paese sono aumentate le costruzioni di edifici in legno, grazie alla scoperta di tutti i vantaggi.

Il legno è un eccellente materiale da costruzione, soprattutto il legno lamellare, grazie alla sua resistenza alla trazione, alla compressione e le sue proprietà elastiche. Ha inoltre un peso specifico molto basso, si lavora facilmente e ha buonissime caratteristiche termo acustiche. Per ultimo, ma non per importanza, il legno è un materiale naturale e di conseguenza anche rinnovabile. Rimane comunque in Italia la preferenza di edifici in calcestruzzo, che ricopre l’80% delle costruzioni sul territorio nazionale. Come riporta chetariffa.it nel suo blog, se abbinata a dei pannelli fotovoltaici o a delle tariffe da energia rinnovabile, la casa in legno riesce ad essere davvero un capolavoro di bioedilizia.

Analizziamo quali sono i vantaggi di questo tipo di costruzioni.

Costruzione edifici in legno: vantaggi

Il legno è un materiale molto versatile e durevole, resiste molto bene all’umidità, adottando dei piccoli accorgimenti come quello di fare il basamento in cemento armato. Essendo inoltre un eccellente isolante termico, permette di risparmiare sui costi dell’elettricità; parlando in termini percentuali si registra un risparmio di circa il 60% rispetto alle classiche costruzioni in muratura. Si pensi, infatti, alle classiche baite site in montagna realizzate totalmente in legno oppure alle abitazioni finlandesi e norvegesi: il clima è generalmente molto rigido sia in autunno che in inverno. Grazie alle sue proprietà di assorbimento del vapore e di umidità dell’ambiente, si riuscirà a limitare al massimo l’uso del riscaldamento artificiale nei periodi molto freddi e l’uso dell’aria condizionata nei periodi molto caldi. Gli edifici in legno appartengono ad una classe energetica A o B, quelli in calcestruzzo e mattoni si aggirano intorno alla categoria G o F.

Il legno è inoltre un materiale riciclabile, non inquina, si smaltisce facilmente e non emette polveri, fibre nocive e Co2. Anche il calcestruzzo, tramite vari processi può essere riciclato, ma non può essere impiegato per costruire nuovi edifici e presenta una qualità sicuramente inferiore.

Per quanto riguarda la costruzione, questi edifici non necessitano di terreni particolari e neanche di specifiche condizioni climatiche. I tempi di costruzione sono sicuramente minori rispetto ai classici edifici in mattoni: variano dagli uno ai tre mesi, a secondo delle finiture che si intende utilizzare per la realizzazione.

Le costruzioni in legno sono molto durevoli, se ben realizzate possono durare dei secoli interi, stando solamente attenti a fare un’adeguata manutenzione, almeno annuale, tramite dei trattamenti nelle parti della struttura che si espone ad eventi atmosferici di vario tipo come pioggia e neve.

Il legno ha un forte potere antisismico, data la sua natura leggera, flessibile e resistente. Sperimentato in Giappone e in America, zone ad alto rischio di terremoti, si è notato che resiste a scosse di circa 6°C della Scala Mercalli. Il legno resiste a sollecitazioni molto intense, si deforma ma non si distrugge a differenza del cemento. Oltre che la resistenza alle scosse sismiche il legno resiste bene anche agli incendi: sembra strano ma è proprio così. La sua combustione è infatti molto lenta e controllata ed emette pochissimi gas pericolosi. Alcuni studi dimostrano che il legno lamellare può resistere alla combustione per circa 120 minuti, cosa impossibile per il cemento.

Per quanto riguarda i prezzi, possiamo riscontrare dei notevoli vantaggi. Ci sono varie possibilità di costruzione: se si sceglie di realizzare un edificio prefabbricato i costi scendono notevolmente. Si pensi che nella realizzazione di una struttura con il tetto annesso, senza però le fondazioni, gli impianti e la pavimentazione si stima un costo che va dai 600 ai 650 euro al metro quadrato, comprensivi del montaggio. Se si opta per una costruzione completa di tutto avremo un prezzo che varia dai 1200 ai 1500 euro al metro quadrato, anche in base alle finiture che si decide di inserire.

Il ruolo del legno per interni

Il legno, negli ultimi anni, è diventato un must per gli arredamenti degli interni: partendo dalle pareti ai pavimenti. Il suo sublime potere decorativo e la sua attitudine a mantenere il caldo lo rendono un ornamento architettonico voluto da molti. La sua flessibilità permette di realizzare arredi con un alto tasso di personalizzazione: per gli interni si consiglia il ciliegio, molto malleabile e l’abete, molto resistente e solido ma meno pregiato di altri.

Case in legno da giardino

Molto carine sono anche le casette da giardino, dove riporre gli attrezzi del giardinaggio oppure da utilizzare come luogo isolato per condurre i propri hobby come la pittura, la lettura. Molto spesso vengono impiegate anche come dependance, per gli ospiti che si ricevono oppure come spogliatoio per le attività da svolgere all’aria aperta. Possono essere anche dei luoghi di svago, realizzando delle casette aperte, dove sarà possibile riunire degli ospiti per una cena.

I costi per la realizzazione sono molto bassi, dato che non è necessario costruire le fondamenta, ma soltanto gli allacci per acqua ed elettricità.